09 dicembre - TEATRO KEIROS

Vai ai contenuti

Menu principale:

09 dicembre

QUESTO MESE > info in dettaglio

Domenica 09 Dicembre ore 18

Manuel Zito
curriculum

Manuel Zito, Miroir de la mémoire
(da 'Fernweh')

audio clicca


Fernweh


Il disco “Fernweh” l’ho registrato in Islanda tra il 27 e il 31 agosto 2017, nel fantastico Sundlaugin Studio di Mosfellsbær, dove hanno registrato tutti i dischi i Sigur Ros ma hanno registrato anche Damien Rice, Bjork, Yann Tiersen, ecc. Alcuni pezzi sono per piano solo, altri per piano, quartetto d’archi, elettronica e altri suoni come Glockenspiel e Fender Rhodes.

I pezzi per piano solo sono nati dal 2011 al 2016, in momenti diversi e con ispirazioni diverse, i pezzi con gli archi sono nati tutti tra il febbraio e il luglio del 2017.

L’idea di mischiare l’elettronica a suoni acustici (piano, archi, batteria), mi è venuta dopo la scoperta di alcuni compositori di genere neoclassico, in particolare Olafur Arnalds, un compositore islandese. Venendo dal mondo della musica classica (mi sono diplomato in pianoforte nel 2012), non avevo mai pensato, prima di quegli ascolti, di inserire l’elettronica nei miei pezzi. In effetti per me è diventato un ulteriore “colore” da aggiungere alla mia tavolozza per creare la mia musica. I suoni “non” acustici fanno da pad, non prevaricano mai sugli altri, ma fanno quasi da sostegno al tutto e aiutano le dinamiche.







L’ispirazione dei pezzi è stata di varia natura: un personaggio di un libro (Yoyo), la musica scritta per uno spettacolo di danza (Water Dance, Monrome), la sonorizzazione di un cortometraggio (Alafoss), il tema di un pezzo di un gruppo post-rock italiano (La deriva - Malmo).

Il mio progetto è stato sposato da subito dal musicista e produttore Massimo De Vita, che mi ha accompagnato in questo fantastico viaggio in Islanda e mi ha aiutato a ricreare i suoni (insieme a Biggi, storico fonico dei dischi dei Sigur Ros) che avevo in mente per la mia musica.

Perché registrare lì? Per ricreare quelle atmosfere glaciali in alcuni suoni ma nello stesso tempo molto intime e nostalgiche.


Manuel Zito

.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu