10 novembre - TEATRO KEIROS

Vai ai contenuti

Menu principale:

10 novembre

QUESTO MESE > info in dettaglio

Domenica 10 Novembre ore 18

Francesco Buccarella
curriculum

Programma

 

Antonio VIVALDI (Venezia 1678, Vienna 1741) -
Joh. Sebastian BACH
(Eisenach 1685 - Lipsia 1750)

Concerto in Do Magg. BWV976

 

Johann Sebastian BACH -
Aleksandr SILOTI
(Charkiv 1863 - New York 1945)

Andante dalla Sonata per Violino n.2

 

Johann Sebastian BACH -
Fazil SAY
(Ankara 1970)

Passacaglia in do minore

 

Johann Sebastian BACH -
Camille SAINT-SAËNS
(Parigi 1835 - Algeri 1921)

Fuga dalla Sonata per Violino n.3

 

Johann Sebastian BACH -
Rafael JOSEFFY
(Hunfalu 1852 - New York 1915)

Ouverture, Aria e Bourrée

 

Joh. Seb.Bach -
Ferruccio BUSONI
(Empoli 1866 - Berlino 1924)

Preludio e Fuga in Re Magg.

 
 

Antonio Vivaldi
in un ritratto meno conosciuto di François Morellon de la Cave (1725)




Bach: trascrittore
e trascritto
(vol. 2)



Secondo appuntamento con Johann Sebastian Bach nelle vesti di trascrittore e come protagonista di trascrizioni altrui.

Variegata la produzione bachiana da cui hanno attinto i musicisti presenti stasera nel programma in veste di trascrittori: dall’italiano Ferruccio Busoni, di cui ascolteremo la trascrizione pianistica del magnificente Preludio e Fuga in Re Maggiore per organo, all’ungaro-slovacco Rafael Joseffy, che assembla nel suo brano movimenti di diverse origini violinistiche, al francese CamilleSaint-Saëns che lavora sulla splendida e corposa fuga tratta dalla terza sonata per violino solo, e poi Aleksandr Siloti, cugino di Sergei Rachmaninov, che sempre da un brano per violino, la seconda sonata, estrae il magnifico andante per trasporlo in veste pianistica, infine il turco Fazil Say, virtuoso, compositore e jazzista, che ci offre la sua versione della famosa passacaglia in do minore.

Naturalmente ad iniziare la serata non poteva mancare un lavoro di trasposizione bachiana, il concerto per violino, archi e continuo in mi maggiore RV 265 di Antonio Vivaldi, contenuto all'interno della raccolta «L'estro armonico» e pubblicato ad Amsterdam da Estienne Roger nel 1711.Bach abbassò l'intero concerto, da mi maggiore a do maggiore, con ogni probabilità per adattarlo alla ridotta estensionedei manuali del clavicembalo
che aveva a disposizione a Weimar.


Francesco Buccarella


Ferruccio Busoni

Camille Saint-Saëns

Rafael Joseffy

.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu