15 dicembre - TEATRO KEIROS

Vai ai contenuti

Menu principale:

15 dicembre

QUESTO MESE > info in dettaglio

Sabato 15 Dicembre ore 21

Duo 6 Corde & 1 Ancia

Massimo Caturelli
curriculum

Lorenzo Sorgi
curriculum

programma

 

Astor PIAZZOLLA

Bordel 1900 (Histoire du Tango)

 

Lorenzo SORGI

Suite

 

Heitor VILLA-LOBOS

Bachianas Brasileiras n.5

 

Massimo CATURELLI

Chiaroscuro

 

Astor PIAZZOLLA

Cafè 1930  (Histoire du Tango)

 

Massimo CATURELLI

Minuetto Fauve

 

Massimo CATURELLI

Emiola per Gabriele Mirabassi

 

Roberto ROCCHETTI

Valzer delle Zagare

 

Massimo CATURELLI

Fantasia su temi brasiliani

 


in alto  Astor Piazzolla (Mar del Plata 1921 – Buenos Aires 1992)

accanto, Heitor Villa-Lobos (Rio de Janeiro 1887 – 1959)



Un meraviglioso caleidoscopio




Qual è la musica del presente? Nell’era di Internet e della multimedialità, cadute molte delle barriere che dividevano il mondo appena qualche decennio fa, lo scambio, e di conseguenza la contaminazione, diventa costante e fitto, il frutto di un mondo globalizzato in cui il concetto di identità sociale, culturale eartistica diventa sempre più sfaccettato, soggetto com’è a mille influenze e tensioni. L’uomo del presente, posto di fronte a questo mare magnum, è sempre più frequentemente costretto a rimettere in discussione categorie, etichette e tutto ciò che pensava di conoscere.

La musica di oggi,“contemporanea”nella sua accezione più ampia, nasce da un crocevia in cui si intrecciano le diverse tradizioni del ‘900, la musica colta, il pop, il jazz, la musica etnica e popolare, il genere della colonna sonora, l’elettronica e molto altro; è dall’esperienza e contaminazione di questi mondi così diversi tra loro che prendono vita i molti linguaggi che animano le sale da concerto di oggi ed è impossibile, se non disonesto intellettualmente, ignorare questo stato delle cose.

I compositori e gli esecutori di oggi hanno perciò la fortunata possibilità di poter giocare con i generi, trasformandoli e rimescolando continuamente le carte, giocando costantemente a deformare la propria immagine proponendosi come tramite di linguaggi diversi e apparentemente lontaniper tradizione geografica e culturale.

Un meraviglioso caleidoscopio!

Massimo Caturelli - Lorenzo Sorgi

.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu