16 novembre - TEATRO KEIROS

Vai ai contenuti

Menu principale:

16 novembre

QUESTO MESE > info in dettaglio

Venerdì 16 Novembre ore 21

Francesco Buccarella
curriculum

Vera Mazzotta
curriculum

Adriano
D'Amico

Programma

 

Antonio VIVALDI

Le Quattro Stagioni

La Primavera - Allegro  - Largo - Danza pastorale

L' Estate - Allegro non molto  - Adagio - Presto

L' Autunno - Allegro  - Adagio molto - Allegro

L' Inverno - Allegro non molto  - Largo - Allegro

 

Astor PIAZZOLLA

Las cuatros Estaciones porteñas
(Le quattro stagioni di Buenos Aires)

Primavera Porteña

Verano Porteño

Otoño Porteño

Invierno Porteño

 

Vivaldi nella famosa caricatura
di Pier Leone Ghezzi (1723)


Frontespizio de
'Il cimento dell'armonia
e dell'inventione'
(Amsterdam,
Le Cène, ca.1727)
Bologna, Museo Internazionale e Biblioteca della Musica

Antonio Vivaldi
(Venezia 1678 – Vienna 1741)


Astor Piazzolla
(Mar del Plata 1921 – Buenos Aires 1992)



4 mani per 4 stagioni

Non c’è musica più conosciuta delle Quattro Stagioni titolo dei primi quattro concerti per violino della raccolta Il  Cimento  dell’Armonia  e  dell’Inventione pubblicati nel 1725 ad Amsterdam.Considerati tra i primi esempi di musica a programma trovano il loro completamento nei 4 sonetti di autore ignoto, ma per molti Vivaldi stesso,  apposti  nelle edizioni a stampa all’inizio di ogni concerto che descrivono i vari momenti di ogni stagione. Le parole dei sonetti che riappaiono nella partitura, verranno stasera letti dal giovanissimo attore e musicista Adriano D’Amico.

La trascrizione a 4 mani risale al 1919 e si deve ad Alceo Toni, compositore e direttore del Conservatorio di Milano dal 1936 al 1940. Ostile alle nuove tendenze della musica si occupò dell’edizione di musica antica da Monteverdi a Corelli a Vivaldi con il chiaro intento di farne edizioni di diffusione capillare spesso anche attraverso il duo a 4 mani. Trascrizione onesta che però rivela alcune sorprese all’ascoltatore moderno nelle armonizzazioni diverse alcune probabilmente risalenti a soli manoscritti da lui conosciuti, altre invece dovute a correzioni.

A Vivaldi segue l’opera di Piazzolla che inquadra le sue Stagioni porteñas, patronimico per Buenos Aires, nei ritmi del tango argentino con qualche coloritura Jazz. I brani hanno avuto genesi differenti  solo successivamentefurono riuniti in suite dallo stesso autore. Ispirati dalle luci, dai paesaggi e dalle tradizioni popolare argentine con le Stagioni Piazzolla ha raggiunto la piena identità estetica e la consacrazione del suo stile.


Vera Mazzotta - Francesco Buccarella

.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu