28 novembre - TEATRO KEIROS

Vai ai contenuti

Menu principale:

28 novembre

QUESTO MESE > info in dettaglio

Giovedì 28 Novembre ore 21

Arianna Vicari
info

Tiffany Tan
curriculum

Programma

 

Sergej PROKOFIEV

Sonata per due violini in Do maggiore, Op. 56 (1932)
- Andante cantabile
- Allegro
- Commodo (quasi allegretto)
- Allegro con brio

 

Béla BARTÓK

dai 44 duetti per due violini
- n. 38
- n. 28
- n. 42
- n. 32
- n. 36
- n. 44
- n. 33
- n. 27
- n. 40
- n. 14
- n. 19
- n. 35

 
 




Violini in Duo





Il concerto presenta un programma originale, con un organico di non frequente ascolto: il duo di violini.

La prima parte del programma è dedicata alla Sonata per due violini  op. 56 di Sergej Prokofiev (1932) caratterizzata da temi chiari e cantabili alternati ad armonie aspre e passaggi bitonali. Il figlio del compositore, Sviatoslav Prokofev, la definì "di volta in volta lirica, briosa, fantastica e violenta".

Il brano fu composto nel 1932 per il concerto inaugurale delle stagioni del "Triton" , società concertistica sorta a Parigi negli anni trenta del '900 allo scopo di incoraggiare la nuova produzione di musica cameristica; al circolo, che ebbe notevole influenza sulla musica francese anteguerra, avevano aderito compositori del calibro di Milhaud, Poulenc, Honegger e molti altri.


Nella seconda parte si potrà ascoltare una selezione dei 44 Duetti per due violini di Béla Bartók, particolarmente noti per i loro ritmi, dissonanze, i loro canoni e inversioni e una grande varietà compositiva che utilizza l'intero spettro del violino. I brani, dal carattere scherzoso e vivcace, traggono ispirazione dalle danze e dai canti popolari del  folklore ungherese, rumeno, serbo, slovacco, ruteno e arabo.

Protagoniste del concerto, le due giovani violiniste Tiffany Tan e Arianna Vicari, seguite della stessa insegnante a Berna, in Svizzera. Proprio in questo contesto, tra i tanti progetti condivisi, è nata l'idea di presentarsi in duo in concerto. Affascinante è il fatto che, sebbene le due abbiano la stessa guida, il loro modo di suonare è completamente diverso tra loro e i loro suoni si compensano a vicenda.

La sonata di Prokofiev per due violini è un elogio a questo compensarsi, a questa diversità che dona prospettiva e dunque profondità alla performance. In effetti, come si noterà durante il concerto, il compositore ha concepito il brano come uno scambio giocoso tra i due esecutori.

Anche i duetti di in Bartók hanno un carattere scherzoso, ecosì come in Prokofiev, il rapporto tra i violini è paritario e, se si ascolta ad occhi chiusi, si fa fatica a distinguere le due voci.

Il concerto di Tiffany e Arianna è una fusione musicale, che, nonostante la giovane età di entrambe le violiniste, rivela una grande maturità artistica.


Sergej Prokofiev
(Soncovka 1891 – Mosca 1953)

Béla Bartók
(Nagyszentmiklós 1881 – New York 1945)

.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu